«Orizzonti culturali italo-romeni / Orizonturi culturale italo-române»


La rivista bilingue online «Orizzonti culturali italo-romeni / Orizonturi culturale italo-române», a cadenza mensile, intende promuovere il dialogo interculturale tra Italia e Romania, mediante interviste, inchieste, studi, presenze letterarie e contributi di collaboratori e ospiti italiani e romeni, con particolare attenzione alla traduzione letteraria come opera di mediazione. La rivista è edita dall’Associazione Orizzonti Culturali Italo-Romeni.


Direttore: Afrodita Carmen Cionchin (www.afroditacionchin.ro)

Vicedirettore: Giovanni Ruggeri

Comitato di redazione: Giovanni Rotiroti, Mauro Barindi, Diego Zandel, Raluca Niţă, Cerasela Barbone, Cristina Gogianu, Claudia Mandi

Collaboratori: Doina Condrea Derer, Smaranda Bratu Elian, Ionel Cionchin, Victor Popa, Geo Vasile, Anca-Domnica Ilea, Laszlo Alexandru, Camelia Zara, Crina Suceveanu, Irma Carannante, Elena Levarda, Georgiana Ţăranu, Ştefan Damian, George Popescu, Clara Mitola, Cristina Oprea, Giacomo Ruggeri, Francesco Saverio Marzaduri, Matteo Veronesi, Horia Corneliu Cicortaş, Achille Tramarin, Marian Rădulescu, Natasha Danila, Oana Grimacovschi, Elena Hanganu, Antonio Di Gennaro, Amelia Natalia Bulboacă

Sono intervenuti
: Claudio Magris, Lorenzo Renzi, Bruno Mazzoni, Ana Blandiana, Marco Cugno, Roberto Scagno, Mario Andrea Rigoni, Bianca Valota Cavallotti, Francesco Guida, Matei Vişniec, Paolo Ceriani, Helga Tepperberg, Giovanni Casadio, Dieter Schlesak, Grigore Arbore, Alberto Casadei, Mihai Bărbulescu, Mario Deaglio, Adriana Babeţi, Ljiljana Avirović, Giuseppe Cinà, Virginia Zeani, Teodor Baconschi, Valeriu Butulescu, Ioan-Aurel Pop, Ervino Pocar, Diego Brasioli, Alvaro Barbieri, Ovidiu Pecican, Paola Mastrocola, Enrico Terrinoni, Alberto Bramati, Ingrid Beatrice Coman. Viorica Bălteanu, Florina Ilis, Elena Pîrvu, Andrei Crijanovschi, Hanibal Stănciulescu, Monica Fekete, Mariana Istrate, Roxana Utale, Corina Anton, Anamaria Gebăilă, Miruna Bulumete, Cristina Tănase, Emil Petru Raţiu, Stelian Tănase, Dan Coman, George Teşeleanu, Alin Mihai Gherman, Paolo Risso, Adrian Niculescu, Danilo De Salazar, Constantina Raveca Buleu, Ion Cârja, Daniel Vighi, Sorin D. Vintilă, Ervino Curtis, Mario Deaglio, Renzo Rubinelli, Alessandra Farkas, Dante Maffìa, Alberto Basciani, Corrado Bologna, Mira Mocan, Roberto Merlo, Ileana Pop, Roberto Mussapi, Veronica Turcuş, Paola Polito, Riri Sylvia Manor, Andrei Zanca, Adrian Munteanu, Mauro Raccasi, Corrado Calabrò, Ivano Mugnaini, Tomaso Kemeny, Alessandro Ramberti, Giancarlo Repetto, Fabio Stassi, Marinella Lőrinczi, Antonio D’Alessandri, Daniela Dumbravă, Dan Perjovschi, Maurizio Cucchi, Marco Lucchesi, Luciano Canfora, Andrei Marga, Ciro Vitiello, Virgil Bercea, Margherita Ganeri, Elena Bizjak Vinci, Fabrizio Masciangioli, Federico Sollazzo, Alessandro Moscè, Giampaolo Montesanto, Fabrizio Caramagna, Lorenzo Mazzoni, Roberto Pazzi, Claudia Azzola, Donatella Bisutti, Mariella De Santis, Enrico D’Angelo, Valeria Serofilli, Carlo Bordini, Adam Vaccaro, Claudio Damiani, Lucianna Argentino, Guido Monte, Filippo Salvatore, Renzo Ricchi, Zéno Bianu, Antonio Spagnuolo, Piergiorgio Viti, Alfonso Severino, Maria Teresa Santalucia Scibona, Marzia Grillo, Arben Dedja, Paolo Polvani, Fabio Franzin, Luigi Roscigno, Monica Martinelli, Annamaria Ferramosca, Daniela Crăsnaru, Ruxandra Cesereanu, Şerban Foarţă, Ioan Es. Pop, Adrian Schiop, Ioan Moldovan, Dan Sociu, Robert Şerban, Andra Rotaru, Dan Mircea Cipariu, Rodica Draghincescu, Adela Greceanu, Eliza Macadan, Ciprian Vălcan, Doina Ruşti, Manolita Dragomir-Filimonescu, Costin Tuchilă, Puşa Roth, Dan Lungu, Radu Pavel Gheo, Maria Luisa Lombardo, Floarea Ţuţuianu, Vasile Ernu, Spiridon Popescu, Radu Țuculescu, Igor Ursenco, Monica Joiţa, Alexandru Potcoavă, Alina Breje, Daniel D. Marin, Şerban Axinte, Rita Chirian, Cosmin Perţa, Ofelia Prodan, Răzvan Ţupa, Adrian Urmanov, Leo Butnaru, Rome Deguergue, Mariana Codruţ, Michael Astner, Sever Voinescu, Alin Tat, Marius Cornea, Mihaela Cernitu, Liliana Ugolini, Aurora Speranţa, Giovanna Ugolini, Gabriella Valera Gruber, Anni-Lorei Mainka, Victoria Milescu, Olga Coptu, Ştefan Lucian Mureşanu, Daniela Raţiu, Gabriel Daliș, Gilda Vălcan, Daniel Mara, Ela Iakab, Livio Zanolini, Leonard Oprea, Mirela Mareş, Ioan Barbu, Ion Nete, Şerban Savu, Iulia Nănău, Despina Grozăvescu, Marco Baratto, Emilia David, Corina Ţucu, Enrico Settimi, Horia Dulvac, Dan Dănilă, Magda Arhip, Claudia Moscovici, Livia Claudia Bazu, pr. Vasile Barbolovici, Manuela Pană, George Dan Istrate, Simona Vălan, Mircea Ţuglea, Mauro Di Leo, Gabriella Gavioli, Patrizio Trequattrini, Nicola Terracciano, Cezarina Dima, Alfonso Cariolato, Stefano Raimondi, A. Riponi, Rita R. Florit, Giacomo Cerrai, Vivetta Valacca, Maria Stefanache, Andrei Ruse, Luca Bistolfi, Giulio Bailetti, Eugen Popin, Maria Schiavone, Marisa Salzillo, Mirela Tingire, Valentina Elia, Maurizio Crema, Walter Scudero, Alice Gonzi, Silvia Biasutti, Frosina Qyrdeti, Adriana Gjika, Arjan Kallco, Nicoleta Călina, Laura Stefania Mara, Laura Gabriela Calotescu, Fiorello Primi, Nicolae Marghiol, Corina Sofia Bebereche, Marisol Pezzutto, Felicia Bura, Olivia Simion, Cristina Ciobotaru, Alina Ciuciu, Lorenzo Cipriani, Irma Di Patre, Giada Connestari


Progetto della rivista: dall’Editoriale del numero 1 (dicembre 2011)

L’inizio di una nuova impresa editoriale è sempre, di natura sua, un’espressione di vitalità e insieme una promessa, poiché nasce da un contesto fatto di persone e vicende, tra le quali e per le quali intende promuovere conoscenza e comunicazione. Così è per la rivista bilingue «Orizzonti culturali italo-romeni / Orizonturi culturale italo-române», che vede la luce in un momento in cui dal costruttivo dialogo tra le culture dipende più che mai il futuro delle nostre società. Il nostro ambito specifico riguarda i rapporti culturali tra Italia e Romania, due Paesi che hanno molto da dirsi e da darsi – ben al di là di stereotipi, luoghi comuni, interessi economici legittimi, ma miopi se non culturalmente animati. Siamo convinti che la comune matrice latina e la condivisa appartenenza europea di Italia e Romania possono esprimere risultati di eccellente valore e significato: ne abbiamo tutti un gran bisogno per la reciproca conoscenza e integrazione.

Il progetto della rivista nasce da queste convinzioni e si sostiene sui positivi risultati di un anno di sperimentazione. Dal dicembre 2010, infatti, come diversi lettori sanno, contributi di vari autori sono stati pubblicati, con regolare cadenza mensile, nel sito personale della sottoscritta, all’epoca opportunamente riadattato per ospitare l’allora forma sperimentale di pubblicazione. Oggi quel progetto ha maturato una strutturazione di contenuti e di intenti – incluso il supporto dell’Associazione Orizzonti culturali italo-romeni – di cui questa rivista è espressione.

Ponte tra le due culture, la nostra pubblicazione on line si rivolge, con aggiornamenti a cadenza mensile, al pubblico italiano e romeno, mediante due sezioni linguistiche distinte e insieme relate, che ospitano interviste, inchieste, studi, presenze letterarie, contributi di ospiti italiani e romeni, con speciale attenzione verso la traduzione letteraria come opera di mediazione. L’edizione italiana accoglie, dunque, contributi di studiosi italiani interessati alla cultura romena (docenti delle cattedre di romeno nelle università italiane, giornalisti, storici, traduttori ecc.), scrittori migranti che operano nella Penisola, uomini di cultura in generale che intendono esprimere il loro interesse verso la cultura romena. L’edizione romena, a sua volta, ospita contributi di intellettuali e studiosi romeni interessati alla cultura italiana (docenti delle cattedre di italiano nelle università romene, giornalisti, storici, traduttori ecc.), scrittori che vivono in Romania e scrittori romeni della diaspora. Particolare attenzione è rivolta agli italianisti romeni, affinché la loro produzione sia conosciuta non solo in Romania ma anche in Italia.

«Orizzonti culturali italo-romeni / Orizonturi culturale italo-române» si avvale di collaboratori che, per le rispettive competenze professionali, ne assicurano la qualità del piano editoriale, ma intende contare sul più vasto apporto di tutti i lettori, incluso se possibile anche quello economico, senza il quale nessuna impresa può reggersi. Per questo, ogni contributo in testi o immagini, in linea con i criteri editoriali della rivista, sarà sempre benvenuto, così come ogni apporto di carattere economico – mediante libere donazioni e/o sponsorizzazioni – rappresenterà un supporto prezioso.

L’auspicio, vivissimo, è che questa rivista possa far crescere l’interesse del pubblico italiano – inclusi i grandi editori della Penisola – per la cultura e la letteratura romena, e suscitare, nel mondo culturale romeno, aperture e intersezioni con l’universo culturale italiano.

A ciascuno dei nostri lettori, il più cordiale grazie e buona lettura!

Afrodita Carmen Cionchin
Direttore


Rivista online edita
dall’Associazione Orizzonti Culturali Italo-Romeni.


Promuove
il dialogo interculturale,
con particolare interesse
verso la traduzione letteraria come opera di mediazione.